Traduttore

lunedì 28 aprile 2014

Allergie Alimentari

Il latte, il cioccolato, i cereali, i legumi, le uova, gli agrumi e i pomodori sono gli alimenti che molto spesso provocano le allergie alimentari perchè, hanno un alto numero di molecole (piccole unità chimiche di una sostanza) insieme agli antigeni (sostanza riconosciuta dal sistema immunitario) sono circa 6000, per fortuna solo in alcuni soggetti, le molecole producono una sensibilizzazione nella normalità, il sistema immunitario (difende l'organismo dagli agenti esterni: virus e batteri), collegato alle mucose (membrane formate da uno strato di cellule che servono come rivestimento interno di organi cavi comunicanti con l'esterno), all'acidità del succo gastrico (secrezione prodotta dalla mucosa interna dello stomaco), agli enzimi del pancreas e dell'intestino, alla flora batterica enterica (equilibrio intestinale), impediscono che le molecole alimentari pronte, percorressero la parete intestinale varcando il fegato per andare in circolo. Cosa succede, quando c'è in corso nell'organismo, una allergia alimentare? Accade che, quando non funziona il meccanismo di espulsione di una dose in eccesso di molecole alimentari, con la forza di antigeni, passa la barriera intestinale e stabilisce, nelle persone soggette, una sensibilizzazione e reazione all'alimento ingerito. Un antigene per poter provocare un'azione allergica, deve avere dei requisiti:

  1. Essere un ottimo immunogeno (sostanza capace di stimolare il sistema immunitario), come lo sono le proteine, le allergie sono favorite da allergeni proteici o glicoproteici.
  2. Deve conservare le sue proprietà alimentari nei trattamenti di cottura, di bollitura, di spremitura e nel caso di acidità del succo gastrico e agli enzimi intestinali. Gli antigeni che conservano questi fattori sono quelli che si trovano nelle uova e nel latte.
  3. Avere un'insufficiente possibilità di provocare intolleranze alimentari.

Nessun commento:

Posta un commento