Traduttore

lunedì 7 aprile 2014

Il Medioevo e le Terme

Nel Medioevo, l'utilizzo del bagno termale, come attività igienica, andò scomparendo ed il suo passato valore sociale ed edonistico (intesa come una dottrina filosofica), venne allontanato. Si assiste alla nascita dell'idrologia (studia le applicazioni terapeutiche delle acque termali) con l'aspetto delle pratiche terapeutiche in gran parte, su opinioni ed osservazioni popolari con l'esperienza, sono studiati i meccanismi d'azione delle diverse acque e si conferiscono a loro, effetti specifici diversi. Le acque solfuree sono specifiche per le malattie della pelle e le salsobromoiodiche (acque formate da: cloruro di sodio, iodio e bromo) sono indicate per la sterilità femminile. Nel Medioevo, oltre ai bagni termali iniziarono ad apparire le inalazioni di vapori, le terapie inalatorie (aerosol per le vie respiratorie) e sudatorie (bagni di sudore a scopo terapeutico) all'interno di grotte naturali, nelle quali hanno origine sorgenti termali, ed infine la messa in pratica dei fanghi termali.

Nessun commento:

Posta un commento