Traduttore

" Il vedere con gli occhi,
il pensare con la mente,
il parlare con la bocca fanno
parte di noi, con o senza la ragione."

venerdì 5 dicembre 2014

Cibo vivo, cibo morto

Il dr. Rudiger Dahlke medico psicoterapeuta fonda il suo lavoro sul concetto che i malesseri e le malattie nascono da contrasti interiori. L'alimentazione occidentale è fondata su cibi morti, devitalizzati (eliminazione di vitalità) gli effetti che producono sono più dannosi di quanto si pensa. Per cibo "morto" è inteso quell'alimento che non può aiutare a tenere in vita la persona o in buona salute, per il semplice fatto che il cibo, viene indebolito delle sue qualità naturali, dai metodi di lavorazione. E' un effetto della "raffinazione - trattamento delle sostanze grezze" sinonimo d'impoverimento, ma anche dell'incremento di sostanze che con il cibo non hanno nulla a che fare. Si parla di additivi, coloranti e conservanti e dell'inquinamento da pesticidi (sostanze chimiche o naturali, usata in agricoltura per eliminare gli insetti) utilizzati per aumentare la coltivazione. 

Nessun commento:

Posta un commento