Traduttore

" Il vedere con gli occhi,
il pensare con la mente,
il parlare con la bocca fanno
parte di noi, con o senza la ragione."

sabato 28 novembre 2015

Trifoglio Rosso

Famoso per essere un segno beneaugurante e positivo, il trifoglio rosso è solo una dei 300 tipi di Trifolium utilizzate per la coltivazione del prato. Oltre a rappresentare un importante pianta foraggera usata fresca nell'alimentazione degli animali, è anche una risorsa ricca di elementi nutritivi per il terreno, tanto da essere utilizzato nella rotazione agraria per l'arricchimento del suolo. Il trifoglio rosso ha molti principi attivi naturali definiti "fitoestrogeni" (isoflavoni), adatti per facilitare il benessere della donna durante la menopausa, contrastando vampate di calore, depressione, irritabilità e ritenzione idrica, esercitando anche un'azione preventiva nei confronti dei rischi cardiovascolari (iperlipidemie) e dell'osteoporosi. Il trifoglio rosso contiene anche i flavonoidi, le vitamine e i sali minerali e veniva utilizzato dai Greci e Romani, sotto forma di decotto, per la cura delle ferite. Infine, la ricerca scientifica moderna ha confermato le proprietà benefiche del trifoglio rosso.  

giovedì 26 novembre 2015

Origano

Dal profumo di montagna, amante dell'aria caratteristica delle abitudini più elevate, ma diffusamente anche nei prati e nei giardini soleggiati, l'origano è una pianta erbacea perenne famosa alla tradizione cinese come rimedio per la febbre, il vomito, la diarrea e le affezioni cutanee. Nella tradizione erboristica europea, invece, raffigura un eccellente rimedio per facilitare la digestione, adatto anche per la cura della tosse, del raffreddore e della febbre. Le proprietà di questa pianta aromatica sono connesse soprattutto alla presenza (tra i principi attivi) di un olio essenziale che non solo ha forti proprietà digestive, ma facilita anche la distensione della muscolatura liscia  che riveste l'intestino, dando un sollievo a eventuali crampi e coliche addominali. L'origano, aiuta anche l'apparato respiratorio, diventa utile in particolare nei cambi di stagione, grazie alle sue proprietà espettoranti, può risultare adatto come coadiuvante nella cura del raffreddore, della tosse e dell'influenza. 

martedì 24 novembre 2015

Cicoria selvatica

Infuso: Per ottenere una bevanda depurativa, versare su foglie fresche di cicoria selvatica (30 grammi di foglie per ogni litro di acqua che usate) dell'acqua calda e lasciare in infusione per 5 minuti.
Tisana: Mettere 10 grammi di radici di cicoria e 1 cucchiaio di fiori di borragine in mezzo litro di acqua bollente. Lasciare riposare per 5 minuti e dolcificare a piacere. 

sabato 21 novembre 2015

La Resilienza

L'abilità di gestire in modo positivo i cambiamenti, adattandosi in maniera efficiente e abbastanza rapida, far fronte ad eventi traumatici, riorganizzare positivamente la propria vita davanti alle difficoltà, ricostruirsi rimanendo sensibili alle possibilità positive che la vita ci offre, senza trasferire la propria identità, in psicologia si chiama "Resilienza" in quanto il soggetto resiliente, reagisce con resistenza alla sofferenza e, invece di cedere o lamentarsi aumentando il problema, ne trae forza, indirizzando le sue energie verso cambiamenti risolutivi e praticabili. Sono persone resilienti coloro che, immerse a circostanze negative, riescono a fronteggiare adeguatamente le contrarietà, a dare nuovo slancio alla propria esistenza e perfino a raggiungere obiettivi importanti. 

giovedì 19 novembre 2015

Perfino il cervello ha fame!

Non è solo il nostro corpo a necessitare dei giusti nutrienti anche il cibo per la nostra mente è indispensabile per sviluppare l'attenzione, la rapidità di pensiero e la memoria. Per funzionare bene, il nostro cervello ha bisogno di un continuo contributo di energia. La migliore fonte di energia è raffigurata dai carboidrati, che si possono trovare nella frutta, nella verdura, nel pesce, nella carne, nei cereali, nelle uova, nei latticini, nella pasta, nel pane, nel riso e nelle patate. Anche i legumi (fagioli e piselli) rappresentano ottime fonti di energia. Gli aminoacidi ricavati dalla digestione delle proteine sono essenziali per la formazione dei neurotrasmettitori, piccole molecole che assicurano il giusto funzionamento delle cellule del sistema nervoso, regolarizzando l'umore, l'aggressività e la memoria. Gli acidi grassi polinsaturi "Omega - 3" detti anche essenziali perchè il nostro organismo non gli possiede e devono essere inseriti con il cibo. Questo grasso costituisce la membrana cellulare dei neuroni (cellule del cervello), in quanto il cervello è l'organo più ricco di grassi che permettono allo stesso di attivare la funzione del pensare! La salute cerebrale, oltre che dai macronutrienti (sostanze necessarie per la produzione di energia) e legato anche da un apporto di micronutrienti (principi nutritivi) formati da minerali e vitamine che, a volte possono risultare scarsi a causa dei metodi di lavorazione, conservazione e cottura dei cibi.  

sabato 14 novembre 2015

I pesticidi e l'ambiente

Si è sempre saputo che i pesticidi nelle mele non vanno affatto bene. Ma nell'ambiente? Greenpeace (associazione ambientalista e pacifista) ha passato ai raggi X la produzione di mele in Europa e il risultato finale non è stato affatto incoraggiante. Su 85 campioni raccolti (49 di suolo e 36 di acqua provenienti da meleti vigorosi) sono stati trovati 53 pesticidi diversi: il 78% dei prelievi di suolo e il 72% dei prelievi di acqua avevano residui di almeno un pesticida. Il restante 70% dei pesticidi che Greenpeace ha individuato ha un'alta tossicità per gli esseri umani e per l'ambiente. In Italia è stato trovato il più elevato numero di pesticidi nel suolo (18 in totale su 3 campioni raccolti), seguono il Belgio (15 pesticidi su 3 campioni) e la Francia (13 su 6 campioni). Per quanto riguarda il discorso sull'acqua, i valori maggiori sono stati registrati in Polonia (13 pesticidi su 3 campioni), in Slovacchia (12 su 3 campioni) e l'Italia (10 pesticidi su 2 campioni). Dei complessivi 38 pesticidi che sono stati scoperti nei campioni di acqua, 8 sono molto tossici per gli organi acquatici.

mercoledì 11 novembre 2015

Nutraceutica

Nutraceutica è un neologismo, ossia un nuovo termine assunto da due parole già esistenti, "nutrizione" e "farmaceutica" e si attribuisce allo studio di alimenti che si ritengono abbiano una funzione benefica sulla nostra salute. La Nutraceutica è stata creata dal Dr. Stephen De Felice nel 1989 ed è lo studio delle proprietà terapeutiche o preventive di alcuni alimenti. Gli alimenti Nutraceutici vengono solitamente definiti alimenti funzionali, alicamenti (agrumi), pharma food o farmalimenti. Un nutraceutico è un alimento farmaco ossia un alimento che mette in relazione componenti nutrizionali selezionati per caratteristiche che sono: l'alta digeribilità e l'ipoallergenicità, e alle proprietà curative di principi attivi naturali. Sia l'ayurveda, sia la medicina tradizionale indiana cita i benefici del cibo per scopi terapeutici. Lo stesso Ippocrate, "padre" della medicina occidentale, diceva: "Lasciate che il cibo sia la vostra medicina e la vostra medicina sia il cibo". Lo yogurt, la frutta e gli ortaggi ricchi di antiossidanti sono alcuni degli alimenti con caratteristiche funzionali definiti Nutraceutici.     

sabato 7 novembre 2015

Erbe di Stagione - Contro le malattie autunnali

L'Eucalipto è una pianta che ha effetti benefici nei problemi delle vie respiratorie in particolare nei periodi di freddo umido. E' un antinfluenzale, antibatterico, calma la tosse, risolve i problemi che portano le sinusiti, le bronchiti e le infiammazioni dell'apparato intestinale. Ha proprietà espettoranti balsamiche, infatti è indicato per coloro che soffrono di catarri bronchiali. Si prende in infuso, un cucchiaino da tè per tazza, 1-2 tazze al giorno. Per facilitare la respirazione si mettono qualche goccia di olio essenziale d'Eucalipto, nei contenitori d'acqua per i caloriferi o negli umidificatori. Oppure, per un uso esterno, si fanno dei fumenti per curare la sinusite. L'Eucalipto è una grande pianta originaria dall'Australia che può raggiungere i centro metri d'altezza. Le sue radici hanno un potere drenante, capaci di prosciugare zone paludose.

mercoledì 4 novembre 2015

Sali di Epsom

Scoperti nei depositi di evaporazione delle sorgenti di Epsom, la loro origine è britannica, vengono chiamati anche sali inglesi e non sono altro che solfato di magnesio (epsomite). I sali di Epsom sono frequentemente usati per la depurazione dell'organismo, in particolar modo per chi soffre di calcoli al fegato e al condotto biliare. Questi sali sono consigliati per coloro che soffrono di digestione lenta e di stitichezza (i sali di epsom sono considerati dei lassativi naturali) perchè non irritano le mucose intestinali. Riducono i gonfiori in caso di lividi o distorsioni e sono efficaci contro lo stress, i sali di Epsom sono adatti a facilitare il rilassamento muscolare perchè a contatto con la pelle del corpo, il solfato di magnesio viene assorbito per poi espellere le tossine dall'organismo, rilassa il sistema nervoso e diminuisce il gonfiore, dando sollievo ai muscoli. L'uso prolungato del solfato di magnesio può provocare problemi ai reni e squilibri elettrolitici (ioni dell'organismo che trasportano una carica elettrica). I sali di Epsom sono controindicati per coloro che soffrono di patologie renali, per gli anziani e i bambini. 

lunedì 2 novembre 2015

Tangoterapia

Mal di testa, stanchezza, sbalzi d'umore ed infine lo stress sono i sintomi accusati da 112 ragazzi sottoposti a un interessante test che si è tenuto in Svezia. I primi 59 ragazzi hanno partecipato a lezioni di tangoterapia, due volte alla settimana per circa otto mesi, mentre i restanti 53 ragazzi hanno continuato la vita di tutti i giorni. Terminato il test, i ragazzi che avevano partecipato alle lezioni di tangoterapia, erano assolutamente più allegri, molto meno stressati e pieni di energia, rispetto ai ragazzi che non avevano fatto nessuna lezione di tangoterapia. Questi risultati sono stati anche confermati da un progetto australiano che prevede di utilizzare corsi di tango per diminuire la depressione. Oggi, la tangoterapia fa parte degli schemi clinici per i percorsi di riabilitazione di molte malattie che interessano il campo fisico, psichico dei pazienti.