Traduttore

mercoledì 13 gennaio 2016

I Probiotici Naturali

L'alimentazione probiotica fortifica la salute e toglie i sintomi della candidosi (candida) provocata da una sovrapproduzione di lieviti. Fino a quando nel fisico persevera un eccesso di candida, il sistema immunitario non riesce a svolgere bene il suo lavoro, ossia contrastare gli invasori come l'herpes, l'hiv e i gruppi di cellule ribelli (sono i responsabili della formazione del cancro). I probiotici naturali sono i batteri "buoni" che alloggiano nel colon e permettono di mantenere in equilibrio la flora batterica. Con tutti i vantaggi che hanno, i probiotici naturali si trovano in particolare negli alimenti fermentati. Ecco i migliori cinque alimenti con i probiotici naturali:

  • Miso - di origine giapponese, egli si usa per realizzare la zuppa tipica di miso della dieta macrobiotica. Il miso viene realizzato grazie alla fermentazione di riso, soia o in alternativa, di orzo.
  • Yogurt di soia e kefir d'acqua - questo tipo di yogurt, nelle versioni classiche, sono fatti con il latte vaccino. Anche per coloro che non possono o non vogliono usare proteine animali negli yogurt, oggi ci sono alternative altrettanto efficaci e al 100% vegetali. Ci possono essere versioni di yogurt vegan che hanno i probiotici, come ad esempio: lo yogurt di soia che si può preparare anche in casa.
  • Tempeh - ha un sapore un pò particolare, il tempeh è un alimento di origine indonesiana, fatto con la soia sottoposta a fermentazione. E' ricco di probiotici e di proteine. Si può marinare, cuocere in padella, aggiungere alle insalate o per farcire i panini. Si associa bene con il curry. 
  • Crauti - dall'Indonesia alla Germania, i crauti si ottengono dal cavolo fermentato. Anche in questo caso lo sviluppo di fermentazione rende il crauto un alimento ricco di probiotici. 
  • Natto - questo è un alimento usato nella cucina giapponese e si ottiene dalla fermentazione dei fagioli di soia, viene sempre abbinato al riso e alla zuppa di miso. La fermentazione del natto avviene grazie al Bacillus subtilis conosciuto anche come Bacillus Natto.