Traduttore

venerdì 15 luglio 2016

Scleroterapia e Dermapen

Forse è il sistema più antico in ambito chirurgico, la scleroterapia con acqua e sale, è un trattamento che consiste nel chiudere i capillari e i vasi sanguigni dilatati sulle gambe, e renderli invisibili. L'idea è quella di irritare la parete dei vasi sanguigni per poi riportarli al loro progressivo riassorbimento. Il vantaggio del composto formato dall'acqua e sale è la mancanza di tossicità. Per di più, con questa tecnica è possibile agire sulla totalità dell'arto e non solo sulle singole parti. La durata del trattamento varia da mezz'ora ad un'ora, in base al numero di capillari. Si consiglia un ciclo che consiste dai tre ai sei trattamenti, da fare ogni 15 giorni. Effetti collaterali: la comparsa di qualche livido e un pò di irritazione nella parte trattata. 
Per quanto riguarda il dermapen, diciamo che si tratta di uno strumento studiato per i trattamenti al viso e al corpo, in grado di effettuare delle piccole punture che, attraverso una stimolazione meccanica, spingono la pelle a produrre collagene e quindi a ricompattare i tessuti, diminuendo i cedimenti della pelle e attenuando la visibilità delle smagliature. Durante il trattamento si applica una crema analgesica per evitare probabili disagi. I risultati si potranno vedere ad un mese dall'applicazione, quando il collagene nuovo, si è abbastanza formato nel derma cutaneo.
Ogni trattamento dura dai 20 ai 30 minuti. Si consiglia un ciclo che parte da un minimo di tre trattamenti ad un massimo di sei trattamenti mensili. Nel corso del trattamento si utilizza una crema antibiotica. Se, nella pelle trattata, si presenta un pochino di secchezza si può tranquillamente usare anche delle creme idratanti.