Traduttore

martedì 4 luglio 2017

Argento Colloidale

L'azione battericida dell'argento era conosciuta fin dall'antichità. Pensate che i Babilonesi, i Greci e i Romani usavano recipienti in argento per servire le bevande in modo da togliere i microrganismi dannosi, proteggendo i sovrani e l'aristocrazia dalle malattie difficili da curare all'epoca. Considerato l'antibiotico naturale, l'argento colloidale ha un'azione antibatterica, antimicotica, antivirale e rigenerante che lo rendono un eccellente prodotto da mettere sulla pelle in caso di:
  • Piccole ferite
  • Ustioni
  • Scottature
  • Eritemi 
  • Dermatiti
  • Acne
  • Psoriasi
  • Micosi
  • Verruche
  • Piaghe
  • Impedigine (infezione batterica superficiale della pelle)
  • Emorroidi
  • Fuoco di Sant'Antonio e Herpes simplex 
  • Infiammazioni o infezioni vaginali

(L'applicazione più consigliata per l'uso è da 10 ppm-parti per milione)
Come sceglierlo? La qualità dell'argento colloidale è riconoscibile dal colore e dal sapore della soluzione. Piuttosto deve essere chiaro, limpido, trasparente o con una lievissima tendenza al giallo. Non deve avere sapore o, al massimo è consentita una lieve punta metallica.
E' importantissimo sapere che dal 2010, in Italia non è più ammesso l'utilizzo interno dell'argento colloidale. Viene impiegato solo per un uso locale sotto forma di gocce nasali, pomate, compresse di garza imbevute e come rivestimento germicida in dispositivi medici. 
Per saperne di più ecco i link di riferimento: