Traduttore

giovedì 22 febbraio 2018

Costituzione Ayurvedica

Nell'Ayurvedica comprendere la propria costituzione vuol dire diventare più forti e capaci. Ci permette di intuire chi siamo, come dovremmo vivere, cosa dovremmo mangiare e in che maniera possiamo ottenere il massimo dalla nostra vita. Ci guida a conoscere noi stessi e ciò che è meglio per noi. Ci permette di comprendere le nostre scelte e le nostre decisioni. La nostra costituzione può essere compresa considerando il corpo umano come un microcosmo all'interno del macrocosmo, in maniera simile a quanto enunciato nell'Ipotesi Gaia, secondo la quale il nostro mondo interiore rispecchierebbe quello esteriore. Esaminando le diverse caratteristiche naturali del mondo intorno e dentro di noi potremo scoprire la nostra natura individuale. 

domenica 11 febbraio 2018

Salute Ottimale

Ecco una serie di segnali che indicano, nell'ayurveda, una salute ottimale:
  • avere un sano appetito e desiderare il cibo in maniera equilibrata, senza voglie eccessive
  • apprezzare il gusto degli alimenti e sentirsi appagati dopo aver mangiato
  • digerire bene senza sintomi di disagio
  • avere una voce chiara e limpida
  • non avvertire dolori o fastidi
  • essere dotati di un corretto funzionamento dei sensi: udito, olfatto, tatto, vista, gusto
  • dormire bene e a sufficienza
  • sentirsi positivi al risveglio
  • godere di una energia costante con buona resistenza e capacità di fare esercizio fisico
  • provare entusiasmo e gioia di vivere
  • essere giovanili e invecchiare lentamente
  • mantenere l'equilibrio nelle emozioni: essere nè troppo felici in caso di successo nè troppo tristi in caso di difficoltà
  • essere di norma compassionevoli, pacifici, amorevoli, generosi e tranquilli

venerdì 26 gennaio 2018

Alimentazione e Fibre

Le fibre alimentari nutrono i "batteri buoni" del nostro intestino garantendo una flora intestinale sana, che ha effetti positivi sull'intero metabolismo evitando gonfiori di addome indesiderati. Svolgono un'azione a 360 gradi nello stomaco perchè combattono la fame. Le fibre, una volta ingerite, arrivano nello stomaco. Qui riempiono la cavità gastrica e ne ritardano lo svuotamento. Il risultato che si ottiene è quello di avere un senso di sazietà prolungato. Anche nell'intestino tenue, le fibre, ci fanno assimilare meno calorie perchè diminuiscono il potere ingrassante degli alimenti. Migliorano il transito intestinale e riducono il tempo di permanenza dei cibi nello stomaco, eliminando il senso di pesantezza del dopo pasto. Pure nel colon, le fibre, eliminano via le tossine mettendo in atto la loro azione depurativa, liberandolo dalle scorie che altrimenti intossicherebbero tutto l'organismo, rallentando il metabolismo. Quali sono i cibi che hanno un buon contenuto di fibre? I fiocchi d'avena (8,3 gr.), l'orzo (9,1 gr.), la pasta integrale (8 gr.), i ceci cotti (5,8 gr.), i fagioli cotti (4,2 gr.), le lenticchie cotte (8,3 gr.), i broccoli cotti (3,3 gr.), i carciofi cotti (7,9 gr.), la lattuga (1,9 gr.), le albicocche (1,5 gr.), le arance (1,6 gr.), l'avocado (3,3 gr.), la banana (1,8 gr.), i lamponi (7,4 gr.), la mela (2 gr.), la pera (2,8 gr.), le mandorle (14,3 gr.) ed infine le noci (6,2 gr.).