Traduttore

mercoledì 25 aprile 2018

Erba Medica e i suoi abbinamenti

Ci sono alcuni abbinamenti che, insieme a l'erba medica, aumentano la sua azione tonica e ricostituente. Le proprietà terapeutiche dell'erba medica vengono ancora di più accentuate dalla miscela con i latti vegetali, i frutti ricchi di grassi buoni, le radici vitaminiche e le erbe disinfettanti. In questa maniera, l'erba medica, diventa un rimedio adatto per curare disturbi specifici. 
  • Erba Medica e Latte di Soia - è un mix contro l'ipertensione e osteoporosi. Chi è in menopausa e ha le ossa fragili fa bene a bere una volta al giorno un bicchiere di latte di soia frullato con un cucchiaino di polvere di erba medica. Con questa bevanda si fa una scorta di ormoni vegetali, si migliora la fissazione del calcio e si combatte anche le vampate e gli sbalzi di pressione. 
  • Erba Medica e Avocado - un paio di volte alla settimana bere un frullato, come spuntino, preparato con mezzo avocado, un cucchiaino di malto di riso, un cucchiaino di erba medica in polvere e latte di avena, quanto basta per ottenere un composto cremoso. E' un'ottima cura per ripulire il sangue dai grassi in eccesso.
  • Erba Medica e Centrifugato di Carota - l'erba medica ha un alto contenuto di potassio, minerale che protegge la funzionalità dei muscoli e di tutto l'apparato osteoarticolare. La mattina, in un centrifugato di carota, sciogliere un cucchiaino di erba medica in polvere che ci fornirà il betacarotene e renderà più elastici sia la pelle che il tessuto connettivo.
  • Erba Medica e Erba Limoncina - preparare una tisana di erba medica e di erba limoncina (miscele di erbe essiccate in parti uguali, tre pizzichi per tazza), filtrare e usare come collutorio  disinfettante per prevenire l'alitosi. La stessa tisana si beve lontano dai pasti per cicli di 1-2 mesi: rinforza unghie e capelli e migliora la digestione. 


Dosha

Nonostante ciascuno di noi sia meravigliosamente unico nel suo genere, ci sono tante tipologie costituzionali quanti sono gli individui, l'Ayurveda  separa tre tipi principali: vata, pitta, kapha, insieme famosi come dosha. Essi sono qualità che influiscono su tutte le funzioni del corpo, dai sviluppi biologici a pensieri ed emozioni. Tutti noi abbiamo vata, pitta e kapha, ma è la loro particolare combinazione a renderci ciò che siamo. La divisione tra i dosha è la chiave di volta per comprendere l'Ayurveda e aiutarci a specificare e gestire la nostra costituzione genetica, o prakriti. L'intendimento di questa profonda conoscenza, tramandata da almeno 75 generazioni di maestri ayurvedici, ha in sè il potenziale per cambiare la nostra vita. Nonostante siano presenti fin dal momento della nostra nascita, i dosha non sono immobili; possono modificarsi secondo una scelta di circostanze, ad esempio il cibo di cui ci nutriamo, se fa caldo o freddo, in quale misura siamo felici e a che ora andiamo a dormire. Il significato letterale del termine sanscrito dosha è difetto o imperfezione, perchè quando le circostanze fanno sì che un particolare dosha si accumuli in eccesso o si aggravi, ciò può sfociare in un disagio. 

mercoledì 18 aprile 2018

Orzo

Ogni chicco di orzo equivale a una ricarica di energia. Si può inserire nelle pietanze è ottimo da bere, l'orzo toglie le tossine acide e attiva le funzioni metaboliche. Il migliore è quello integrale. L'orzo è un cereale molto adattabile a tutti i stili alimentari, è l'alimento più indicato in Primavera. In cucina si utilizzano i chicchi, le aziende lo trasformano in malto, da cui si ottiene la birra e il whisky. In polvere o solubile, l'orzo diventa un ottimo sostituto del caffè e in fiocchi, si abbina facilmente al latte per la colazione del mattino o in aggiunta a brodi e passati di verdura. In commercio esiste anche il latte di orzo, una bevanda che può essere usata come sostituto del comune latte (per gli intolleranti al lattosio) oppure utilizzata nella preparazione dei frullati. L'orzo ha un potere nutritivo molto importante: è ricco di vitamine (B, A, C,), di sali minerali e aminoacidi ma principalmente di carboidrati a lento rilascio e di una percentuale sufficiente di fibra, preziosa specialmente quando si tratta di regolare il livello della glicemia e del colesterolo. Buon drenante intestinale l'orzo, grazie ai betaglucani presenti nella fibra è efficace in caso di disturbi gastrointestinali, nella sindrome della colite e gonfiore addominale. Contiene il ferro, il potassio e tanto calcio: per questo è consigliato a chi, in particolare le persone anziane, hanno problemi di osteoporosi. In commercio è possibile acquistare, anche online, l'orzo integrale, il decorticato e quello perlato.