Traduttore

sabato 16 giugno 2018

Pitta

"Caldo, acuto, penetrante, lievemente oleoso, scivoloso, veloce, irritabile"
Pitta è l'origine della passione e del metabolismo. E' il manager che, per mezzo di una gestione efficiente del potenziale energetico, regola i dati portati nel corpo da Vata. Controlla la digestione e il metabolismo e conduce alla produzione di energia a livello cellulare. Le funzioni di Pitta rivelano che questo dosha è formato dalle qualità di Fuoco e Acqua, gli elementi regolatori presenti in natura. A prima vista, questa combinazione è contraddittoria ma in realtà agisce in maniera complementare: Pitta esiste nel corpo sotto forma di Acqua o di Olio, proteggendo i tessuti dall'aspetto distruttivo del Fuoco. Proviamo a pensare al rivestimento umido che protegge lo stomaco dall'attacco dei succhi gastrici, potenzialmente corrosivi. Come un crudele vulcano, Pitta è pungente, caldo, penetrante, oleoso, acuto, liquido, acido e in espansione. Se Pitta è presente in alta misura è possibile avvertire queste qualità nel corpo quando ci sentiamo "bollenti", con la pelle unta o abbiamo una smania per la fame. A causa della sua natura calda, la funzionalità primaria di Pitta è la trasformazione. E' la forza dell'attività metabolica che avviene nell'organismo e che verifica il battito cardiaco, i livelli ormonali, la temperatura corporea, la percezione visiva, la fame, la sete e la qualità della pelle. Nel particolare, Pitta è anche responsabile della funzione del fegato, della secrezione biliare, della digestione e dell'intestino tenue. A livello della mente Pitta riveste un ruolo importante nel comprendere e nell'assimilare le impressioni sensoriali. Nel fisico, la sede primaria di Pitta è nell'intestino tenue: ciò nonostante esso risiede anche negli occhi, nel sangue, nelle ghiandole sudoripare, nello stomaco, nella linfa e nell'aspetto emozionale del cuore. Quando Pitta è in equilibrio, appetito e sete sono sani, c'è una produzione equilibrata di ormoni ed enzimi, intelligenza, coraggio e flessibilità, una pelle sana e una vista sviluppata. 

sabato 2 giugno 2018

Detox prima dell'estate

Questo è il giusto periodo, prima dell'estate, per disintossicare il nostro organismo. Fare un vero detox significa prendere tempo per noi stessi, con l'attività fisica, con i 5 tibetani (gruppo di esercizi yoga) http://aloisicristina.blogspot.com/2018/06/i-5-tibetani.html), ritagliare pochi minuti al giorno per la meditazione, fare attività all'aria aperta, o è possibile provare a respirare secondo la lezione indiana (http://aloisicristina.blogspot.com/2018/06/la-respirazione-secondo-la-lezione.html), oppure utilizzare tecniche come ad esempio l'idrocolonterapia (lavaggio del tratto intestinale), fare una sauna o il bagno turco: tutti da provare. Per coloro che hanno la possibilità di fare una mini vacanza, andare alle terme o nei centri benessere troveranno benefici per il proprio organismo. Se tutto questo è impossibile da poter fare, andiamo oltre. Per cominciare ci possiamo abituare ad ascoltare la nostra musica preferita, ritagliare del tempo per noi e imparare a respirare di pancia (http://aloisicristina.blogspot.com/2018/06/respirazione-di-pancia.html) e fare una passeggiata, possibilmente all'aperto: nei boschi o nei prati. Per concludere bisogna cambiare le nostre abitudini culinarie. L'alimentazione corretta è l'elisir della nostra vita!  

La respirazione (secondo la lezione indiana)


I 5 Tibetani